Sonica-Fest 2013

Sonicafest 2013 torna a Misterbianco

Dopo ben 11 anni di assenza il Sonicafest, il Festival rock del sud Italia, torna a Misterbianco, la sua città natale. Questa notizia non può che riempire di gioia tutti gli amanti della musica di un certo livello e tutti coloro che, nel corso delle precedenti manifestazioni, hanno visto alternarsi sul palco artisti di fama nazionale ed internazionale, come Coldplay, Skunk Anansie, Patti Smith, Marlene Kuntz, Robert Plant, Gianna Nannini, Negrita, Carmen Consoli, Afterhours, Mario Venuti, Verdena, tanto per citare alcuni nomi.

Il Sonicafest era nato a Misterbianco, in provincia di Catania, nel 1996, sfidando tutti gli scettici che non credevano fosse possibile realizzare un festival di tale portata in una città del sud Italia. invece il Sonikafest è diventato uno degli appuntamenti più attesi dell’anno e nel 2004 ha vinto il premio come il miglior festival italiano per band emergenti nel 2004 dal M.E.I. di Faenza.

Spazio quindi ai giovani emergenti: Fattori Recessivi, I Petri ca Addumunu, Le Scimmie Astronauta, Noveltoy, Over Ture, Roberta Gulisano, selezionati da una giuria, che calcheranno il palco nelle serate del 20 e 21 Settembre. In palio per il vincitore un videoclip del singolo, con la regia di Nanni Musiquo Ragusa di Argotfilm.

Ospiti delle serate Original Sicilian StyleIpercussoniciArchinue’Babil On SuiteLala & SadePiji. In chiusura sabato 21 settembre, l’atteso  concerto di MAX GAZZÉ.

Presenterà la manifestazione Gianmaurizio Foderaro, voce di radio RAI 1.

Tutti i concerti si svolgeranno a Piazza Pertini, con ingresso gratuito. Allo Stabilimento Monaco ci saranno workshop musicali gratuiti e momenti di approfondimento.

Articoli correlati

About Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *