S. Giovanni degli Eremiti

La Palermo arabo-normanna: Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti

La Chiesa di S. Giovanni degli Eremiti di Palermo è uno dei simboli più rappresentativi dell’arte e dello stile arabo-normanno che caratterizzano il capoluogo siciliano. Fu costruita tra il 1132 e il 1148 per volere di re Ruggero II, sui resti di una già esistente costruzione che negli anni precedenti aveva già subito notevoli variazioni. A dire il vero la storia di questa chiesa ci racconta un po’ la storia di Palermo, delle sue innumerevoli dominazioni e di quanto queste “contaminazioni” abbiano influito molto non solo sull’arte ma anche sulla cultura, facendo di Palermo una città multietnica che ancora oggi conserva le sue ben distinte caratteristiche. 

Chiesa di S. Giovanni degli EremitiLa prima costruzione risale al 581 quando, per volere di S. Gregorio Magno,  fu adibita a sede Abbaziale della Congregazione Benedettina. Nell’842, a seguito della dominazione saracena, la chiesa fu distrutta e trasformata molto probabilmente in moschea. Con l’avvento dei normanni e il ritorno della cultura cristiana, l’edificio fu nuovamente trasformato in chiesa, conservando però alcuni elementi passati, come le cupole rosse che svettano sul tetto e che sono uno dei simboli della città. Fu dedicata a S. Giovanni Evangelista e a S. Ermete e affidata da Ruggero II ai Benedettini di Montevergine.

Tra gli elementi più importanti, oltre alle già citate cupole rosse, ricordiamo il bellissimo ed elegante Chiostro Benedettino, di forma rettangolare, costituito da una serie di coppie di colonne ed archi gotici a sesto acuto; il lussureggiante giardino con numerose piante, come altissime palme, agrumi (tra cui anche il mandarino cinese), allori, ulivi, nespoli e agavi; l’interno ad una sola navata, piuttosto spoglio ed austero, che regala interessanti giochi di luce durante il giorno.

Dal 2015 fa parte del 9 monumenti inseriti nel percorso arabo-normanno patrimonio UNESCO.

FOTOGALLERY

DOVE SI TROVA

La chiesa si trova in pieno centro storico, quasi adiacente al Palazzo dei Normanni, a due passi dal mercato di Ballarò.
Indirizzo : Via dei Benedettini 20, Palermo
Per informazioni su orari e costi clicca qui.

 

 

Articoli correlati

  • La Palermo arabo-normanna: Chiesa di S. CataldoLa Palermo arabo-normanna: Chiesa di S. Cataldo Situata a Piazza Bellini, accanto alla più famosa Chiesa dell'Ammiraglio (meglio conosciuta come Martorana), si trova la piccola chiesa di San Cataldo, […]
  • Chiesa di Santa Caterina a PalermoChiesa di Santa Caterina a Palermo In pieno centro storico a Palermo, con l'ingresso principale che dà su Piazza Bellini (praticamente di fronte la Chiesa di S. Maria dell'Ammiraglio e la […]
  • Santuario di Santa RosaliaSantuario di S. Rosalia su Monte Pellegrino Se trovate un palermitano che non ha mai visitato il Santuario di Santa Rosalia almeno una volta nella vita, allora non è un vero palermitano! Sia che ci si […]
  • 03-Chiesa-di-S.-Giuseppe-dei-Teatini-PalermoChiesa di S. Giuseppe dei Teatini di Palermo La Chiesa di S. Giuseppe dei Teatini di Palermo è una delle più belle ed importanti chiese barocche siciliane, un vero splendore capace di lasciare chiunque a […]
  • Chiesa S. Maria della CatenaChiesa S. Maria della Catena Vicino al porto di Palermo, nella zona tra Corso Vittorio Emanuele e la Cala, si trova la Chiesa di Santa Maria della Catena, piccolo gioiello in stile […]
  • DSC02519Chiesa di San Matteo al Cassaro di Palermo Nonostante sia poco nota, la Chiesa di San Matteo al Cassaro è uno degli esempi più belli di arte barocca a Palermo e si avvale di moltissime e pregiate opere […]

About Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *