Una passeggiata a Palazzolo Acreide tra medioevo, barocco ed antiche tradizioni

Palazzolo Acreide

Sebbene sia stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 2002 e sebbene si trovi a soli 20 minuti da Siracusa e a 30 minuti da Noto, Palazzolo Acreide è uno di quei luoghi non ancora raggiunti dal turismo di massa, che conserva intatte tutte le sue tradizioni e che merita assolutamente di essere visitato. Grazie ad Unesco Festival Experience, manifestazione che ha abbracciato 14 siti UNESCO del sud Italia, ho avuto la possibilità di tornare in questa bellissima città come inviata dell’Associazione Italiana Travel Blogger, e di scoprire tanti aspetti che la rendono un piccolo gioiello di arte, cultura, tradizioni e buon cibo!
Fondamentale e preziosa è stata la guida di Piera e Claudia, due giovani ragazze del posto, che attraverso racconti, aneddoti e testimonianze storiche sono riuscite a trasmettermi l’amore per questa città e la voglia di tornare al più presto per vivere e rivivere le sue magiche atmosfere.

Le origini


La città ha origini greche, fu fondata da coloni corinzi nel 664  a.C. con il nome di Akrai, settant’anni prima della fondazione di Siracusa. I resti di questa epoca sono ancora visibili nell’area archeologica dove si possono ammirare il Teatro Greco, definito teatro del cielo, dal quale si può godere di una splendida vista sulla valle dell’Anapo;  il Bouleuterion, luogo di riunione del senato; le Latomie ed il Tempio di Afrodite. L’antica città è stata rinvenuta dopo gli scavi di Gabriele Judica che grazie ad una serie di indagini effettuate a proprie spese, riesce a mettere insieme un imponente numero di materiali che custodisce nella propria abitazione privata. Oggi queste reperti sono esposti nell’omonimo museo archeologico.

Palazzolo Acreide ed il barocco


barocco a Palazzolo AcreideIl modo migliore per conoscere ed apprezzare Palazzolo Acreide è senza dubbio quello di incamminarsi lungo le vie del suo centro storico e lasciarsi trasportare dall’atmosfera suggestiva delle strade a volte larghe e frequentate da gente, altre volte strette e quasi deserte, a volte in salita, altre volte in discesa… Impossibile non notare quanto lo stile barocco, che qui trova il suo massimo splendore, sia presente in questa città. Questa scelta stilistica, indubbiamente molto azzeccata, in realtà trae origini da un evento tragico avvenuto nel 1693, ovvero un terribile terremoto che ha di fatto raso al suolo molte città della Val di Noto. I palazzi e le chiese che furono ricostruiti dopo il terremoto, rispecchiano tutti lo stile architettonico del periodo, ovvero il tardo barocco.
Tra le tante chiese barocche da visitare assolutamente segnalo la Chiesa di San Sebastiano, la basilica di San Paolo e la Chiesa dell’Annunziata.Chiesa di S. SebastianoLa Chiesa di San Sebastiano, dedicata ad uno dei santi più venerati della città, si trova a Piazza del Popolo, in cima ad un’imponente e scenografica scalinata, quasi come un gioiello prezioso da mettere in mostra. Vuoi perché questo è il primo monumento che ho visto appena entrata a Palazzolo Acreide, vuoi perché la piazza sembra volere accogliere i visitatori con un caloroso abbraccio, fatto sta che questa per me rappresenta l’immagine simbolo di tutta la città.
Basilica di San PaoloLa Basilica di San Paolo, che si trova nell’omonima piazza, è dedicata al santo patrono della città. La cosa che mi ha colpita di più di questa chiesa, oltre all’indiscutibile bellezza, è la sua facciata bianca che, insieme alle colonne ed alle statue, regala  bellissimi giochi di luce quando il cielo comincia a tingersi di rosso. Ne consiglio una visita o all’alba o al tramonto.

Chiesa dell'AnnunziataLa Chiesa dell’Annunziata è la più piccola e la meno imponente di quelle che vi ho appena segnalato, ma non per questo meno bella. Anzi, è quella che personalmente mi ha colpita di più, sia per la sua posizione che crea delle linee prospettiche molto interessanti, sia per le 4 colonne tortili, riccamente adornate, che accolgono il visitatore all’ingresso della chiesa. L’ho trovata molto più raccolta e a dimensione di preghiera.

Balcone baroccoForse non tutti sanno che a Palazzolo Acreide si trova il balcone barocco più lungo d’Europa. Si tratta del balcone di Palazzo Caruso, che si affaccia su via Garibaldi, ed è tutto da ammirare con il naso all’insù! Il balcone è sorretto da ben 27 mascheroni che ritraggono facce buffe che sembrano volere prendere in giro i passanti a tutti coloro che si soffermano ad osservarli. Non a caso i mascheroni sono chiamati “cagnoli” che in dialetto siciliano vuol dire “ragazzi poco raccomandabili”. Questo la dice lunga sul suo significato!

Palazzolo Acreide ed il Medioevo


Quartiere Medievale Palazzolo AcreideMa Palazzolo Acreide non è solo barocco. Imboccando la strada accanto alla Basilica di San Paolo si accede al quartiere medievale, formato da antiche abitazioni molto suggestive, e dopo una serie di stradine tutte in salita si arriva in cima alla rupe. Qui troneggia il Castello Normanno o Rocca di Castelmezzano, di cui si hanno notizie certe già a partire dal 827 d.C., anno della conquista musulmana. 
Castello di Palazzolo AcreideDurante il medioevo Palazzolo Acreide era una città baronale ed il castello, oltre che da avamposto, serviva proprio come residenza dei baroni. Sono molte le famiglie nobiliari che qui hanno dimorato, fino al 1533, anno in cui avvenne un feroce delitto. Artale d’Alagona venne infatti assassinato dal fratello Ponzio per questioni ereditarie. Si dice che da allora la sua anima inquieta vaghi per il castello in cerca di quella pace che non troverà mai. Qualcuno sostiene di averlo visto, altri di averlo sentito. Chissà, forse è solo il vento che soffia tra i fili d’erba a trarre in inganno, ma che castello sarebbe senza il suo fantasma?

Purtroppo il castello è stato distrutto dal terremoto ed oggi rimangono solo resti che tuttavia ci fanno intuire sia la grandezza, sia la bellezza, sia l’importanza di questo luogo. Su YouTube ho trovato questa affascinante ricostruzione in 3D del castello

 

Feste e tradizioni a Palazzolo Acreide


La città di Palazzolo Acreide è molto legata alle tradizioni antiche, soprattutto di tipo religioso. Gli appuntamenti più importanti sono la Festa di S. Sebastiano, il 10 agosto, e la Festa di S. Paolo, il 29 giugno. In entrambe le occasioni le due chiese più importanti del paese diventano palcoscenico di una manifestazione molto sentita, con una cornice di pubblico e di folklore impressionante. Alle 13,00 in punto avviene la “sciuta” (uscita del santo dalla chiesa) accolto da migliaia di  “nsareddi” (striscette di carta multicolori ) e dalle urla festanti dei fedeli. La statua del santo viene portata a spalla nuda dagli uomini mentre le donne seguono la processione camminando a piedi scalzi. Inoltre i bambini neonati  vengono spogliati e12 sollevati al cielo in segno di dono al santo.

 

COME ARRIVARE

Da Catania (78 Km circa) – percorrendo l’Autostrada Catania – Siracusa uscita Canicattini Bagni-Palazzolo sulla SP.287 la cosidetta “Mare-Monti”.
Da Siracusa (circa 38 Km) – percorrendo la SP.287 la “Mare-Monti”.
Da Ragusa (circa 35 Km) – percorrendo la SS:194 fino a Giarratana e proseguendo per la SP.23.

METEO

Informazioni su Giusy Vaccaro 413 Articoli
Autrice del blog Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.