Una vacanza a San VIto Lo Capo: dove fare il bagno, cosa mangiare e cosa fare

San Vito Lo Capo spiaggia

Quando penso a San Vito Lo Capo la prima cosa che mi viene in mente sono le estati di tanto tempo fa, quando ero ancora una bambina e si andava al mare tutte le domeniche e quando almeno una volta all’anno ci si organizzava per andare a San Vito Lo Capo, una delle località balneari più belle in Sicilia, dai colori e dai contorni caraibici. Arrivare a San Vito Lo Capo non era semplicissimo: bisognava percorrere più di 100 km, bisognava partire la mattina presto, bisognava portarsi dietro un po’ di roba, bisognava mettere in conto il  traffico e la difficoltà nel trovare parcheggio. Ma arrivati lì ne valeva assolutamente la pena.
La nostra giornata trascorreva così: ci sistemavamo il più possibile vicino all’acqua e passavamo tutta la mattina in acqua; a pranzo mangiavamo i panini che ci eravamo portati da casa sotto il nostro ombrellone super attrezzato; dopo pranzo, nell’attesa che trascorressero le fatidiche 3 ore necessarie alla digestione, noleggiavamo una ciclocarrozzella e facevamo il giro del paese; e poi di nuovo tutti al mare a rinfrescarsi fino a quando era ora di tornare a casa.
Oggi le cose sono cambiate. Oggi a San Vito Lo Capo non vado solo una volta all’anno, ma tutte le volte che ne ho voglia (e a qualsiasi stagione) e a dire il vero non mi sembra più neanche così lontana. Perché a San Vito Lo Capo ci si va tutte le volte che si sente il bisogno di un incontro ravvicinato con la bellezza.

La spiaggia di San Vito Lo Capo

Spiaggia di San Vito Lo CapoSan Vito Lo Capo si trova nella costa occidentale della Sicilia, a pochi km da Trapani, nell’omonima penisola delimitata ad ovest dal Golfo di Macari e ad est dalla Riserva dello Zingaro e il Golfo di Castellammare. È una delle località balneari più conosciute ed apprezzate della Sicilia, con la sua lunga spiaggia di fine sabbia bianca ed il mare cristallino dal colore smeraldo, che durante il periodo estivo diventa quasi un tappeto di persone.  Praticamente la classica vacanza relax al mare, adatta sia a famiglie con bambini sia a giovani coppie, con lidi attrezzati e tratti di spiaggia libera, venditori di cocco, venditori ambulanti, massaggiatori, giochi da spiaggia, windsurf, kitesurf, aquiloni e tanto relax. Il tutto davanti ad un mare da sogno che sa incantare per la sua straordinaria bellezza. 
Alle spalle della spiaggia sorge il delizioso paese di San Vito Lo Capo, ricco di negozi, locali dove mangiare, case vacanza e bed & breakfast. 

Cosa mangiare a San Vito Lo Capo

Che cosa si mangia a San Vito Lo Capo? Più o meno quello che si mangia nel resto della Sicilia, quindi ottimo ed abbondante. Tuttavia ci sono 2 pietanze veramente tipiche del posto, che non puoi non assaggiare, altrimenti significherebbe che non sei mai stato a San Vito Lo Capo: il cous cous ed il caldo freddo.

Cous Cous San Vito lo Capo

Il cous cous è un piatti tipico di tutta la provincia di Trapani, ed in particolar modo a San Vito Lo Capo, talmente amato che da più di 20 anni viene celebrato con un festival internazionale. Il più tipico ovviamente è a base di pesce, capace di unire le influenze arabe nord-africane con il buon pesce locale. Una delizia imperdibile.

caldofreddoSe invece siete dei veri estimatori dei dolci molto strutturati, allora non potete non assaggiare il caldo freddo, un dolce che alterna strati di pan di spagna, gelato, panna e cioccolato, servito nel classico “lemmo”, da gustare cucchiaiata dopo cucchiaiata. Forse non sarà il più dietetico dei dolci, ma è un peccato di gola che ogni tanto è bene concedersi.

Tra le altre specialità consiglio le busiate (tipica pasta trapanese) da mangiare magari con tonno fresco o con pesce spada e melanzane; il pesto alla trapanese; il pesce fresco cucinato al momento; il pane cunzatu; le cassatelle; e molto altro ancora…

San Vito Lo Capo ed il Cous Cous Fest

couscousfestUno degli eventi più importanti e significativi di San Vito Lo Capo è il Cous Coous Fest, festival internazionale che celebra appunto il cous cous, un piatto simbolo dell’integrazione, della pace e dello scambio culturale. Tutti gli anni, a settembre, la spiaggia e le strade del paese diventano palcoscenico di gare, degustazioni, cooking show, incontri, concerti  e spettacoli che coinvolgono praticamente tutti. Un evento amatissimo e seguitissimo, che di fatto conclude la stagione estiva (anche se il bel tempo e le alte temperature continueranno imperterrite anche dopo), talmente apprezzato che tutte le strutture ricettive sono prenotate già da mesi! Un’esperienza da fare almeno una volta nella vita.

Cosa vedere nei dintorni di San Vito Lo Capo

Se prenotate una vacanza a San Vito Lo Capo per più giorni e volete esplorare le zone limitrofe, le alternative non mancano. A cominciare dalla Riserva Naturale dello Zingaro, un posto incredibilmente bello, completamente immerso nella natura, adatto sia a chi ama fare passeggiate e trekking, sia a chi ama fare il bagno in piccole ed incontaminate calette. Esistono anche delle mini crociere che permettono di raggiungere la riserva per mare.
San Vito oo Capo - Spiaggia di Macari Bue MarinoSe cercate una spiaggia meno affollata ma altrettanto bella vi consiglio di fare un salto a Macari, a circa 6 km da San Vito Lo Capo. Lo scenario qui cambia completamente: poca gente, niente venditori ambulanti, niente lidi, niente chioschetti dove acquistare da mangiare, ma solo un contatto diretto con la natura e con il mare. Da qui si può ammirare il Monte Cofano e le isole Egadi all’orizzonte.
Poco più avanti si trova l’ingresso per la Riserva naturale di Monte Cofano, dove è possibile fare sia passeggiate, sia un bel bagno nelle tante piccole spiaggette selvagge.

Veduta di ValdericeSe invece volete qualcosa che non sia solo mare allora potrete spingervi verso Trapani e passeggiare lungo Erice, piccolo borgo in cima ad un monte alto 750 mt, da dove si può ammirare il paesaggio sottostante e respirare l’atmosfera medievale delle sue stradine.

 

 

Informazioni su Giusy Vaccaro 410 Articoli
Autrice del blog Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.