Visitare il Duomo di Monreale, patrimonio UNESCO arabo normanno

Duomo di Monreale

A pochissimi km da Palermo, alle pendici di un monte che sovrasta la Conca D’Oro e restituisce una delle viste panoramiche più belle del capoluogo siciliano, sorge il comune di Monreale, fondato dai Normanni nel XII secolo. E proprio a Monreale, e più precisamente al centro della sua bellissima piazza, si trova uno dei capolavori più illustri dell’arte medievale, divenuto patrimonio UNESCO nel 2013: il Duomo di Monreale.
Con i suoi 7500 metri quadrati di mosaici, che ricoprono interamente le pareti, il Duomo di Monreale il ciclo musivo più esteso al mondo dopo quello di Santa Sofia a Costantinopoli.

Storia del Duomo di Monreale


Il Duomo di Monreale è stato edificato tra il 1172 e il 1185 per volere di Guglielmo II. Le motivazioni sono fondamentalmente 2: una pratica ed una religiosa.

Guglielmo II ed il vescovo di Palermo non andavano particolarmente d’accordo. Dovete sapere che la Chiesa, più di un secolo prima, aveva “donato” il Regno di Sicilia ai Normanni e per tale ragione pretendeva di averne un certo controllo. Per liberarsi dal potere opprimente del vescovo, Guglielmo II decise di costruire un nuovo centro religioso in Sicilia sul quale avere un maggiore controllo. Questo nuovo centro doveva avere anche una posizione sopraelevata e per tale ragione venne scelto il territorio dove oggi sorge Monreale.

Ma c’è anche un’altra motivazione. Secondo la leggenda Guglielmo II, durante una battuta di caccia, colto da improvvisa stanchezza, decise di riposare sotto un albero. La Madonna gli apparve in sogno e gli rivelò che lì sotto avrebbe trovato un tesoro con il quale avrebbe dovuto costruire, esattamente in quel punto, un duomo a lei dedicato. Il tesoro fu trovato esattamente lì e con quel denaro fu eretto il duomo.

Al di là della leggenda sappiamo che Guglielmo II era particolarmente devoto alla Madonna e la costruzione del duomo voleva essere un dono per propiziare la nascita di un erede, tanto importante per la sopravvivenza del regno. Non a caso ci sono varie rappresentazione di Guglielmo II nell’atto di donare il modellino della chiesa alla Madonna.

Il ciclo di mosaici del Duomo di Monreale


Come ho detto prima, all’interno del Duomo di Monreale ci sono 75oo metri quadrati di mosaici che ricoprono tutte le pareti. L’arte del mosaico, sebbene piuttosto antica, trova con il cristianesimo e soprattutto nel periodo medievale una grande affermazione. In Sicilia, oltre al Duomo di Monreale, ci sono splendidi cicli musivi alla Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio (meglio conosciuta come Chiesa della Martorana), alla Cappella Palatina e al Duomo di Cefalù. Oltre la Sicilia, in Italia, vi consiglio Ravenna e i cicli di mosaici alla Chiesa di San Vitale e alla Chiesa di Sant’Apollinare Nuovo. Tutti mosaici che ci mostrano l’importanza dell’arte bizantina in Italia e do come abbia influenzato l’arte occidentale per tutto il medioevo.

Il ciclo di mosaici del Duomo di Monreale ha una disposizione ben precisa. Sulla parete absidale (quella sopra l’altare), sono rappresentate le scene della gloria di Cristi, della Vergine e dei santi Pietro e Paolo. Spicca tra tutte l’immagine del Cristo Pantocratore; sulla pareti laterali sono rappresentate le scene della vita e Passione di Cristo; sulle navate invece sono rappresentate le scene dell’Antico Testamento.

Il colpo d’occhio è di quelli che lasciano senza fiato. Non si può rimanere indifferenti di di fronte alla bellezza di uno spettacolo simile.

Cappella del Crocifisso (Cappella Roano)


Sulla navata sinistra si trova la Cappella del Crocifisso, realizzata tra il 1686 ed il 1692 dall’Arcivescono Giovanni Roano per custodire  il crocifisso ligneo che secondo un’antica tradizione fu dono di Guglielmo II. La cappella è uno splendido esempio di arte barocca in Sicilia.

Fotogallery del Duomo di Monreale

Fotogallery del pavimento Normanno e delle tombe Reali

Sulla navata destra sono custoditi il sarcofago in porfido di Guglielmo I e quello marmoreo di Guglielmo II detto “il Buono”.

 Fotogallery del museo Diocesano

Fotogallery del chiostro ed esterni

Visita guidata privata di Monreale

Potete visitare il Duomo di Monreale liberamente, con un biglietto di ingresso di € 4,00 (gratis la prima domenica del mese). Ricordate che durante la celebrazione della messa non è consentito effettuare la visita. Qui tutti i dettagli sugli orari .

Se volete potete anche prenotare una visita guidata privata di Monreale, per conoscere insieme ad una guida esperta tutti i segreti sia del Duomo che del Chiostro Benedettino.

Come arrivare

[mappress mapid=”67″]

 

Foto di Gianfranco De Paoli e Giusy Vaccaro

 

Informazioni su Giusy Vaccaro 436 Articoli
Autrice del blog Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

1 Trackback / Pingback

  1. Torna la settimana della musica sacra a Monreale | Io Amo la Sicilia

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.