Duomo di Monreale

La Palermo arabo-normanna: il duomo di Monreale

Il Duomo di Monreale è una delle chiese più belle di tutta la Sicilia, un capolavoro d’arte bizantina assolutamente da non perdere, con i suoi finissimi mosaici famosi in tutto il mondo e più di 1800 kg di oro zecchino utilizzati per raccontare la storia del Cristianesimo. Dal luglio 2015 è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, insieme al circuito Palermo arabo-normanna.

Duomo di Monreale

Storia e leggenda

Una chiesa molto ricca di tesori quindi. Ma come fu possibile spendere tanto denaro per la sua realizzazione? La storia della sua costruzione è legata ad una famosa leggenda e si intreccia in qualche modo alla storia della costruzione della Cattedrale di Palermo.

Si narra che nel 1171 il re Normanno Guglielmo II, devotissimo alla Madonna, durante una battuta di caccia fu colto da improvvisa stanchezza e si addormentò sotto un albero di carrubbo. Quel sonno, oltre a ristorare le sue stanche membra, fu fonte di una incredibile rivelazione. Infatti la Madonna gli apparve in sogno e gli rivelò che proprio sotto quell’albero si nascondeva un tesoro di inestimabile valore. Al suo risveglio il re fece abbattere l’albero, fece scavare in profondità e quando fu trovato l’oro decise di fare costruire una chiesa in onore della Madonna.

Nello stesso periodo un altro importante cantiere era aperto. Infatti Gualtiero Offamilio, allora arcivescovo di Palermo, stava facendo costruire la Cattedrale di Palermo. Tra il re e l’arcivescovo non correva buon sangue e così entrambi, sopraffatti da manie di grandezza e dal desiderio di superare l’altro, non badarono a spese e si lasciarono andare in progetti fantasmagorici.

Il risultato finale fu il seguente: il Duomo di Monreale ha un interno spettacolare e ricchissimo, mentre la sua facciata è abbastanza “normale”; la Cattedrale di Palermo ha una facciata imponente con archi a sesto acuto ispirati all’architetture islamica, colonnine con statue di santi, torri campanarie, ghiere, merlature, pinnacoli, mentre l’interno è piuttosto semplice. Quale sia la più bella delle 2? Visitatele entrambe e fatevi la vostra opinione!

Cristo Pantocratore Duomo di Monreale

L’interno della Cattedrale

Come detto in precedenza, ad una facciata piuttosto semplice e lineare si contrappone l’interno di straordinaria bellezza, a croce latina, caratterizzato da innumerevoli e pregiatissimi mosaici che raffigurano scene dell’Antico e Nuovo Testamento, e che rivestono tutte le pareti della chiesa, per un totale di 6340 mq. Praticamente si tratta della decorazione musiva più grande d’italia. Spicca il famoso Cristo Pantocratore, imponente immagine che rappresenta il volto di Cristo, tipica dell’arte bizantina ed arabo-normanna.
Stupore, meraviglia, ammirazione: queste sono solo alcune delle piacevoli sensazioni che si avvertono di fronte a questo straordinario ed imperdibile capolavoro.
Da una parete all’altra scorre la storia della salvezza: dai vari momenti della Creazione alle scene di Adamo ed Eva, di Caino e Abele, di Noè e dell’Arca; della torre di Babele e di Sodoma e Gomorra; e ancora, l’annuncio della venuta del Cristo, la sua nascita, i suoi miracoli, la sua morte e la sua resurrezione; gli apostoli, la loro missione nel mondo, sino alla solenne abside centrale dove con il Cristo ammiriamo le schiere dei cherubini e dei serafini, la Vergine, i santi…

Cappella del Crocifisso (Cappella Roano)

Sulla navata sinistra si trova la Cappella del Crocifisso, realizzata tra il 1686 ed il 1692 dall’Arcivescono Giovanni Roano per custodire  il crocifisso ligneo che secondo un’antica tradizione fu dono di Guglielmo II. La cappella è uno splendido esempio di arte barocca in Sicilia.

Pavimento Normanno e tombe Reali

Sulla navata destra sono custoditi il sarcofago in porfido di Guglielmo I e quello marmoreo di Guglielmo II detto “il Buono”.

 Museo Diocesano

Chiostro ed esterno

 

Giorni ed orari di visita

  • nei giorni feriali:dalle ore 8.30 alle ore 12.30 – dalle ore 14.30 alle ore 17.00
  • nei giorni festivi:dalle ore 8.30 alle ore 10.00 – dalle ore 14.30 alle ore 17.00

Come arrivare

Loading
Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti
Google MapsOttieni i Percorsi

 

Foto di Gianfranco De Paoli e Giusy Vaccaro

 

About Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

One thought to “La Palermo arabo-normanna: il duomo di Monreale”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *