Frutta Martorana

La frutta martorana

Ogni anno, durante il periodo della festa dei morti, le pasticcerie siciliane si colorano con dei dolcetti molto particolari, a forma prevalentemente di frutta, con colori bellissimi e con forme che somigliano in modo impressionante alla realtà. Si tratta della frutta di martorana, tipico dolce di questo periodo, realizzato con pasta reale (assolutamente da non confondere con il marzpane).

Che cosa è la pasta reale? E’ una pasta realizzata con farina di mandorle (prodotto tipico della sicilia) e zucchero, che viene lavorata a mano, messa in appositi stampini e poi colorata. La frutta di martorana viene spesso confezionata in splendidi cesti, assieme ai biscotti tipici dei morti, frutta reale di stagione (castagne, melograni, noci, ecc…) e al centro l’immancabile pupa di zuccaru.

COME È NATA LA MARTORANA? 

L’origine di questo particolare dolce lo si attribuisce alle suore del convento di Santa Maria dell’Ammiraglio, detto anche della  Martorana, che non mancavano né di estro né di creatività. Tutto nacque durante il periodo normanno, a seguito della visita del papa dell’epoca presso il convento. Le suore erano piuttosto rammaricate poiché gli alberi del loro giardino erano oramai spogli, a causa del raccolto. Ci tenevano a fare bella figura e a mostrare il giardino in tutto il suo splendore e così decisero di fare la frutta a mano. Impastarono la farina di mandorle e lo zucchero ed ottennero dei fruttini che poi posizionarono sugli alberi e che potevano essere mangiati. Sicuramente dovettero fare una bellissima figura perché questi dolcetti spopolarono a tal punto da arrivare fino ai giorni nostri.

PERCHÈ LA SI ASSOCIA ALLA FESTA DEI MORTI?

Il motivo è piuttosto semplice. La festa dei morti era ed è sempre stata un modo per sentire più vicini i nostri cari defunti. Questo è un giorno di festa e non un giorno di lutto, e soprattutto è la festa dei bambini. Per coinvolgerli veniva regalato loro un cesto con dei dolci, tra i quali appunto la nostra frutta di martorana. Ecco svelato i mistero!

LA MARTORANA OGGI

Oggi questa tradizione viene portata avanti da quasi tutte le pasticcerie. La fantasia ha preso il sopravvento ed oltre alla tradizionale frutta, oggi possiamo trovare anche altri generi alimentari, come pesce, carne, pasta, panini e tante altre forme. Il tutto per la gioia degli occhi e, ovviamente, del palato!

Articoli correlati

  • Pupu cu’ l’ova (o cuddura)Pupu cu’ l’ova (o cuddura) A Palermo viene chiamato "Pupu cu' l'ova", a Catania "Cuddura cu' l'ova", a Trapani "Campanaru", in altri luoghi "Panaredda" o "Palummedda": cambia solo il […]
  • buccellatoDolci siciliani natalizi: il buccellato Il Natale è una di quelle feste durante le quali si mangia davvero tanto, grazie anche alle infinite pietanze tipiche di questo lungo periodo. I più attesi […]
  • La Sfincia di S. GiuseppeLa Sfincia di S. Giuseppe Entrare in una pasticceria siciliana è un'esperienza che mette a dura prova anche i palati più morigerati e salutisti, ma provate ad entrare il 19 marzo, […]
  • I 10 dolci siciliani da assaggiare almeno una volta nella vitaI 10 dolci siciliani da assaggiare almeno una volta nella vita Dite quello che volete, ma i dolci siciliani sono i migliori al mondo! E non lo dico solo per campanilismo, o perché li mangio da tutta la vita, ma […]
  • Panino con panelleStreet food palermitano: il panino con le panelle Tutto ciò che è fritto diventa buonissimo, c'è poco da fare. E più l'olio viene riutilizzato, più la pietanza assume un sapore irresistibile, di quelle che è […]
  • pasta triglie e finocchiettoPasta con triglie e finocchietto Il finocchietto di montagna, quello che cresce selvatico, è uno degli ingredienti "principe" della cucina siciliana, soprattutto a Palermo. Non a caso è […]

About Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *