sfincione

Street food: lo sfincione, l’antico pane del Natale

Camminando per le vie di Palermo potrebbe capitarvi ad un certo punto di udire una voce in lontananza che attraverso un megafono sta dicendo una serie di parole incomprensibili con una cantilena quasi melodiosa. A poco a poco la voce si fa sempre più vicina ed ecco che si materializza un venditore ambulante che a bordo di una “lapa” (Ape) sta “abbanniando” (annunciando) il prodotto che vende:

Chi ciavuru, u culuri c’ha taliari, è beddu cavuru, vassia veni a mancia, sunnu cuosi ra bella vieru

(Che buon profumo, devi guardare il colore, è ancora caldo, vossignoria, venga a mangiarlo, sono cose fatte nel modo giusto).

Si tratta dello Sfincione, prodotto tipico della cucina palermitana e uno dei re incontrastati dello streetfood del capoluogo siciliano.

Che cosa è lo sfincione?

Ma che cosa è lo sfincione? Si potrebbe definire la risposta palermitana alla pizza napoletana. In realtà con la pizza non ha molto a che vedere, ma per farvi capire cosa è dovete immaginarvi la pasta per pizza molto più spessa e più morbida, quasi spugnosa, ricoperta di salsa di pomodoro, acciughe, caciocavallo, cipolle e pangrattato. Tutti prodotti tipici siciliani.

IMG_3795

Come è nato

L’origine di questa ricetta come sempre è antica e si fa risalire alla cucina povera. Durante le feste di natale, anziché servire il solito pane, si usava renderlo un po’ più gustoso e coreografico, ed è per questo che veniva ricoperto con gli ingredienti sopra citati. lo sfincione è diventato quindi un prodotto tipico delle feste natalizie, e anche se oramai viene ,mangiato tutto l’anno, anche se non esiste un solo panificio a palermo che non esponga sul proprio bancone dei bellissimi tranci appena sfornati, lo sfincione è il piatto per eccellenza durante la vigilia dell’Immacolata e la vigilia di Natale.

Lo sfincione oggi

Oggi, con la valorizzazione dello street food, lo sfincione è diventato un prodotto di punta. Oltre che nei panifici lo si trova nei vari chioschietti, specie al centro storico, e soprattutto tra gli ambulanti che passano con la lapa e fanno il giro di tutta la città!

Articoli correlati

  • Pasta con le SardeLa pasta con le sarde: storia e ricetta Tra i piatti più tipici della cucina siciliana come non menzionare la pasta con le sarde? Si tratta di un primo piatto molto gustoso, dai sapori forti e […]
  • Pani ca meusaPalermo al 5° posto per il miglior street food nel mondo Nella classifica mondiale del migliore street food, secondo il sito virtualtourist.com Palermo si posiziona al 5° posto, preceduta da Bangkok, Singapore, […]
  • Palermo-food-festArriva il primo Palermo Food Festival Amanti del cibo di strada tenetevi forte: sta per arrivare a Palermo, dal 5 al 13 settembre 2015,  il primo food festival dedicato alla cucina e al cibo di […]
  • Pani Ca MeusaPani ca’ meusa: il re dello street food Oggi il termine "street food", cibo di strada, va molto di moda al punto che esistono trasmissioni televisive dedicate alla ricerca dei cibi più tipici e […]
  • pecoreLa pecorella di Pasqua in pasta reale Non ce ne vogliano i vegetariani, men che meno i vegani, ma per tradizione cristiana il simbolo della Pasqua è sicuramente l'agnello. La tradizione trae […]
  • pesto alla trapaneseIl pesto alla trapanese Il pesto ligure lo conosciamo tutti, non ha certo bisogno di presentazioni: una ricetta dalle antiche origini, tramandata nei secoli, fatta con pochi e […]

About Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *