Pani ca meusa

Palermo al 5° posto per il miglior street food nel mondo

Nella classifica mondiale del migliore street food, secondo il sito virtualtourist.com Palermo si posiziona al 5° posto, preceduta da Bangkok, Singapore, Penang e Marrakesh. Per noi che da anni possiamo gustare ed apprezzare tutte le specialità del cibo di strada palermitano, non è certo una sorpresa:

  • pani ca meusa
  • panelle
  • cazzilli
  • arancine
  • sfincione
  • stigghiola
  • babbaluci
  • rosticceria

Sono solo una piccola parte di tutto quello che la cucina siciliana di strada può offrire. Piatti tipici della nostra tradizione, ognuno di questi con una bellissima storia alle spalle, frutto anche delle continue contaminazioni etniche che ha vissuto la nostra isola.

panelle

Alcune di queste pietanze sono legate a feste o tradizioni particolari, ma in ogni caso le si trovano in ogni periodo dell’anno, soprattutto in chioschetti storici, bancarelle o piccole gastronomie che si tramandano queste ricette da generazioni. Impossibile rimanere indifferenti di fronte a tanto ben di dio, sia che siate golosi o meno di alcune pietanze.

Vi segnaliamo a tale proposito un’iniziativa davvero interessante, un tour enogastronomico per le vie delcentro storico di Palermo con degustazione dei prodotti sopracitati presso le migliori taverne e rosticcerie del centro storico, con spiegazione multilingua delle origini di tali pietanze e con pranzo conclusivo in una  taverna. Si tratta di  Streat Palermo Tour, (street + eat = streat) un tour enogastronomico  che si svolge interamente a piedi attraverso le piazze storiche ed i mercati popolari del centro cittadino. Assolutamente da non perdere!

Articoli correlati

About Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Giusy Vaccaro

Direttore responsabile, redattore e fotografo di Io Amo La Sicilia. Nata e cresciuta a Palermo, amo la mia terra, nonostante le sue infinite contraddizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *